menu

Eredità in Italia: come redigere una procura valida

Se sei uno straniero o residente all’estero e vieni chiamato in qualità di erede in Italia, ti sarà utile rilasciare una procura a qualcuno che abbia la possibilità pratica e materiale di compiere tutta una serie di attività legate alla successione testamentaria, come ad esempio l’accettazione o la rinuncia all’eredità, o ricerche sui beni immobili, mobili e conti correnti che compongono l’asse ereditario.

 

Che cos’è una procura?

 

La procura è un atto con cui un soggetto “delega” a un altro soggetto la facoltà di agire in sua vece per il compimento di uno o più atti giuridici. La procura può essere speciale, cioè limitata a un singolo atto o a un affare specifico, oppure generale, e consentire quindi al delegato (rappresentante) di occuparsi di tutti gli affari del soggetto delegante (rappresentato).


La procura generale è rilasciata a tempo indeterminato e rimane efficace, a meno che non si decida di revocarla.

 

A chi devo rivolgermi per rilasciare la procura?

 

Se sei un cittadino italiano residente all’estero e hai necessità di conferire una procura ad un soggetto in Italia, puoi rivolgerti alla competente Rappresentanza diplomatico-consolare italiana. In alternativa, puoi rivolgerti ad un pubblico notaio accreditato nel paese di residenza, e provvedere a far apporre sull’atto l’apostille (una certificazione di convalida, che si ottiene attraverso un timbro dell’Autorità preposta: serve ad attestare la qualità della persona che ha firmato l’atto e l’autenticità della firma stessa).

Nel caso in cui il paese di residenza non abbia aderito alla convenzione dell’Aia per l’abolizione della legalizzazione, la legalizzazione della firma notarile dovrà essere a cura della Rappresentanza consolare italiana.

 

Se invece non sei un cittadino italiano, devi necessariamente rivolgerti ad un pubblico notaio, la cui procura, per essere valida ed utilizzabile in Italia, dovrà sempre essere legalizzata tramite apostille. Se la procura è redatta in lingua straniera, sarà necessario provvedere alla sua traduzione e alla certificazione da parte del Consolato italiano.

 

Quali informazioni devo fornire?

Il nostro studio ha maturato nel tempo una significativa esperienza in ambito internazionale e da anni assistiamo i nostri clienti italiani residenti all’estero e quelli stranieri nella predisposizione delle procure e  nell’iter valido ai fini della loro legalizzazione  sia presso i Consolati che presso i notai stranieri.

 

Per conferire legittimamente una procura generale, devi innanzitutto recarti presso l’ufficio notarile del Consolato o presso un pubblico notaio con un documento di riconoscimento.

 

Dovrai indicare le tue generalità complete e quelle della persona a cui vuoi conferire la procura (nome, cognome, data e luogo di nascita, residenza e codice fiscale), nonché la tua espressa volontà di nominare la persona procuratore generale.

 

Se hai bisogno di conferire una procura speciale per le pratiche successorie, oltre a fornire questi dati dovrai specificare l’oggetto della procura e le facoltà che vuoi conferire, ed indicare anche i dati del defunto, comprensivi del luogo e data di nascita e di morte.

 

Facci sapere se possiamo esserti d’aiuto.

 

Hai bisogno di supporto nella gestione della tua eredità in Italia? Contattaci per una consulenza gratuita.