menu

Trasparenza amministrativa e diritto di accesso agli atti: come fare richiesta, quali sono i limiti

Per garantire la trasparenza della Pubblica Amministrazione, la legge riconosce ai cittadini il diritto di accesso agli atti, ovvero la possibilità di prendere visione ed ottenere una copia di documenti amministrativi.

 

Documenti amministrativi: cosa sono?

I documenti amministrativi sono definiti dalla legge (in particolare la n. 241 del 1990) come rappresentazioni grafiche, fotocinematografiche, elettromagnetiche o di qualunque altra specie del contenuto di atti detenuti da una pubblica amministrazione e riguardanti attività di pubblico interesse.


I cittadini possono presentare istanza di accesso agli atti presso la Regione, il Comune e tutti gli altri soggetti di diritto pubblico. La richiesta di accesso può riguardare anche soggetti di diritto privato, a patto che sia limitata ad attività di pubblico interesse disciplinate dal diritto nazionale o comunitario.

 

Chi può esercitare il diritto di accesso agli atti?

Può accedere agli atti chiunque abbia un interesse diretto, concreto ed attuale a prendere visione di un documento amministrativo. In altre parole, puoi esercitare il diritto di accesso se ti è necessario per tutelare un interesse specifico. La legge non consentirà  l’accesso se la tua è una volontà di controllo generico, non legata ad un’esigenza particolare e ad una posizione giuridicamente tutelata.

 

Come si richiede l’accesso agli atti amministrativi?

Puoi presentare un’istanza di accesso agli atti direttamente all’amministrazione che ha formato il documento o che lo detiene stabilmente.

Ricorda che l’accesso agli atti deve essere motivato: dovrai quindi specificare (e se necessario comprovare) l’interesse che giustifica la tua richiesta negli appositi moduli predisposti dalla pubblica amministrazione. Se la tua richiesta viene accolta, riceverai  informazioni sull’ufficio a cui rivolgerti e sul termine entro cui potrai visionare i documenti e farne una copia (per legge mai inferiore ai 15 giorni). Il procedimento di accesso dovrà concludersi entro 30 giorni dalla presentazione della richiesta.

 

Atti pubblici: quanto costa accedere?

La semplice presa visione dei documenti amministrativi è completamente gratuita. Se hai bisogno di avere una copia del documento, dovrai invece pagare i costi di riproduzione (i cui importi sono stabiliti dalle singole amministrazioni) e quelli relativi al bollo, nonché i diritti di ricerca e di visura.

 

Esistono limiti e casi di esclusione?

Sì, per esigenze di segreto o di privacy concernenti determinati documenti amministrativi, sia nell’interesse pubblico sia nell’interesse di terzi.

 

Accesso agli atti amministrativi e privacy: come si conciliano? 

L’equilibrio tra diritto di accesso agli atti e riservatezza è molto delicato. Nell’accedere a documenti amministrativi, potresti imbatterti in dati sensibili di altri soggetti, la cui privacy è garantita per legge.

Se la pubblica amministrazione a cui è indirizzata la richiesta di accesso individua soggetti controinteressati, è tenuta a inviare loro una comunicazione tramite raccomandata con avviso di ricevimento (o per via telematica, se i controinteressati hanno dato il loro consenso). I controinteressati potranno eventualmente opporsi alla richiesta di accesso entro dieci giorni dalla ricezione della notifica, presentando motivazioni adeguate.

 

Facci sapere se possiamo esserti d’aiuto.

Devi richiedere accesso a documenti amministrativi e hai bisogno di assistenza?
Contattaci per una consulenza gratuita.